Simon Marussi – EDO – Web e Famiglia

Questa settimana vogliamo raccontare una storia che inizia dall’ossessione verso l’informatica ed il web, ma termina in un settore che non ha nulla a che vedere con il digitale. La constante è la passione e la determinazione nel voler realizzare un un’idea o, per chi preferisce, un “sogno”.

Raccontiamo la storia di Simon Marussi, ingegnere informatico e direttore generale di Extera. Abbiamo chiesto a Simon qual è l’attività principale dell’azienda e qual è il suo compito principale.

Extera è specializzata nello sviluppo della presenza su Web per conto di organizzazioni complesse. Quindi aziende medio-grandi, con sedi in più paesi nel mondo e quindi con necessità di risolvere casi comunemente ininfluenti nelle PMI. Questo genere di attività devono essere necessariamente affrontate in team di progetto (Project Management), il mio ruolo è proprio quello di “capo progetto”.

La storia dell’azienda prova la tua grande esperienza, ma negli ultimi mesi ti abbiamo visto impegnato in qualcosa di diverso. Ci puoi raccontare di cosa si tratta?

Si tratta di EDO, una start-up con cui vendiamo mattoni di cartone, in versione giocattolo, in tutto il mondo. Sono grandi come i mattoni veri ma sono fatti di cartone. Ci si può costruire qualunque cosa: un castello, un dinosauro, una casa per le bambole ma anche una panchina o una piccola libreria.

Siamo partiti grazie ad una raccolta fondi online su Kickstarter (piattaforma di crowdfunding nata per supportare startup e progetti creativi). In pochi giorni abbiamo raccolto i fondi e ordini necessari per avviare l’attività e fra pochi mesi tanti bambini in tutto il mondo potranno giocare con i nostri mattoni di cartone.

simon marussi edoardo

Il progetto è veramente interessante e sembra tutto molto semplice. Vorremmo sapere però quando è nata l’idea di EDO ed in che modo hai lavorato per raggiungere il tuo obiettivo.

Tutto è nato nei momenti di gioco con mio figlio Edoardo, che ha ispirato anche il nome dell’attività. Passavamo la sera a costruire oggetti usando proprio i mattoncini, divertendoci a fare costruzioni grandissime. Spesso continuavo anche dopo che Edoardo si era addormentato, così che potesse trovare castelli giganti al risveglio.

Il desiderio di creare oggetti più grandi, usando i mattoncini, ha fatto nascere l’idea (la “capanna” era un chiodo fisso!). Da qui si inizia. Assieme alla mia compagna Raffaella abbiamo fatto ricerche di mercato, ovviamente online, per capire se fosse già disponibile qualcosa di simile e poiché non abbiamo trovato nulla, siamo partiti con la progettazione!

edo mattoncini di cartone

Ho usato tutto il potenziale della rete e le mie competenze per rendere il progetto EDO efficiente e sostenibile con le mie attività in azienda. Grazie alle mie competenze su CAD e con l’aiuto di Roman, un ingegnere di packaging Ucraino, che ho trovato tra i miei contatti web, abbiamo realizzato i prototipi dei mattoncini.

Per il logo abbiamo organizzato un concorso online, vinto per 500 $ da un ragazzo dello Sri Lanka (in questo concorso ho ricevuto più di 260 proposte da tutto il mondo). Una ragazza Croata, esperta di Photoshop, ci ha aiutato nelle elaborazioni grafiche, assieme ad altri freelance trovati tutti online e da ogni parte del mondo. Da una cartotecnica di Bologna, attualmente, facciamo realizzare i cartoni che diventano mattoncini. Il materiale è di cartone puro quindi riciclabile al 100%. In questo momento stiamo valutando una cartotecnica Austriaca che potrebbe fornirci cartone non infiammabile.

Per il lancio su Kickstarter, ci siamo rivolti ad un’agenzia PR di Los Angeles. Ma il primo tentativo non è andato bene ed abbiamo deciso di chiuderla dopo soli 10 giorni. Imparando dagli errori fatti abbiamo deciso di usare il supporto di Extera e di mia sorella Lisa (copywriter e con ottime competenze in comunicazione). La tenacia ci ha premiato, perché normalmente è difficile ottenere un risultato significativo con il secondo tentativo, invece, lavorando con convinzione e credendo nel progetto, il secondo round su Kickstarter ha raggiunto l’obiettivo in soli 15 giorni. Una grande soddisfazione per tutti noi!

Facciamo i complimenti a Simon, alla sua famiglia ed a Extera per averci raccontato questa esperienza, nata dal desiderio di creare qualcosa di nuovo e portata a termine grazie alle competenze ed alla tenacia. EDO sarà presente a San Marino Digitale 2016 il 14 Ottobre al Centro Congresso Kursaal (http://smd2016.asi.sm), legato ai temi della Formazione, perché oggi, avere competenze legate all’informatica ed il web possono essere utili per qualsiasi progetto imprenditoriale. Alla prossima ossessione!

EDO DO Everything

Attachments
William Casali

Presidente ASI

Related Post

thumbnail
hover

Decreto 135/2018 un grave freno allo...

Comunicato stampa Il direttivo dell’Associazione Sammarinese per l’Informatica nell’apprendere gli effetti del decreto n.135 del 2018,...

  • Pubblicato da ASI
thumbnail
hover

Un primo passo verso la digitalizzazione...

Comunicato stampa Con il Decreto Delegato 31 ottobre 2018 n.138, che mira alla semplificazione della presentazione del bilancio per gli oper...

  • Pubblicato da ASI
thumbnail
hover

Convocazione Assemblea Soci 13 Luglio 2018

è convocata l’assemblea dei soci ASI per venerdì 13 luglio 2018 presso la Sala Montelupo – in Piazza Filippo da Sterpeto,...

  • Pubblicato da ASI